Consulente del Lavoro – Il Tirocinio, uno strumento da usare

tirocinio

Quando un’azienda ha bisogno di personale può intraprendere due strade. La prima, più semplice, è quella di ricercare una persona che possieda le caratteristiche richieste; la seconda è quella di ricercare una persona che possieda la soft-skill necessarie e farla crescere nell’organizzazione. Se la strada che intendete intraprendere è la seconda allora lo strumento ideale è il Tirocinio!

Lo scopo di questo articolo non è approfondire la normativa del tirocinio; è il nostro compito porvi in condizione di utilizzare lo strumento. Lo scopo è invece quello di farvi conoscere uno strumento che può essere veramente di ausilio all’inserimento di una nuova risorsa nella vostra organizzazione.

Lati positivi del Tirocinio

  • Il tirocinio non è un rapporto di lavoro e pertanto non deve sottostare ai limiti retributivi della contrattazione collettiva ne, tantomeno, agli istituti delle ferie, malattie ecc.
  • Prevede un compenso mensile minimo, esente da contribuzione, di almeno 500,00 euro mensili;
  • L’azienda può verificare le caratteristiche del tirocinante PRIMA di procedere ad un’assunzione vera e propria;

Lati negativi del Tirocinio

  • Il primo punto a favore del tirocinio si ripete anche in questo elenco. Il Tirocinante non è un dipendente e non potete pretendere che lavori come un dipendente;
  • Il rapporto è molto rigido e non si possono attuare comportamenti difformi da quanto previsto nella convenzione e nel Piano formativo Individuale (es. altre mansioni o orari difformi);
  • In quanto soggetto che sta anche imparando un mestiere, non si può far lavorare da solo un tirocinante ma sempre sotto la supervisione costante del tutor;
  • Non può svolgere le sua prestazione a tempo pieno ma sempre con un orario ridotto rispetto al tempo pieno;
  • Nel 2018, i tirocini non curriculari (quelli che non fanno parte di un ciclo di studi) erano nelle linee guida dell’Ispettorato perché sovente si trattava di rapporti di lavoro mascherati; per questo motivo, anche se non al 100%, potreste dover mettere in conto la visita degli Ispettori;

Ulteriori Requisiti

Per avviare un tirocinio, salvo siate un’azienda artigiana, dovrete avere almeno un dipendente assunto in azienda che possa rivestire il ruolo di tutor. E’ altresì obbligatoria la regolarità in materia di Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro.

In Conclusione, mi conviene inserire un tirocinante in azienda?

Non esiste una risposta univoca a questa domanda. la risposta è: dipende!

Se volete un soggetto che sia già in grado di lavorare allora probabilmente no in quanto è implicito nella figura del tirocinante che debba apprendere la formazione necessaria.

Se la vostra intenzione è quella di “crearvi” una risorsa secondo le vostre necessità allora si, decisamente.

Quando formate un dipendente voi dovrete comunque pagare la retribuzione come se fosse già autonomo nello svolgimento della mansione; a questa poi si aggiungerà l’ulteriore onere della formazione specifica che impartirete (ore di formazione a discapito delle ore di produzione).

Per quanto riguarda un tirocinante invece è già previsto che parte della sua remunerazione sarà erogata sotto forma di formazione; ed infatti il compenso mensile è appositamente ridotto.

Questo non vuol dire che i dipendenti non debbano essere formati, anzi, ma bisogna fare un distinguo tra la formazione necessaria a svolgere la mansione e la formazione necessaria a perfezionare la mansione.

Quale soluzione proponiamo?

Il nostro Studio è delegato della Fondazione Lavoro che svolge anche il ruolo di soggetto promotore. Per le aziende Clienti ci occupiamo noi di stipulare la convenzione, di creare il Piano Formativo Individuale e certificare la formazione impartita. Anche in questo servizio la nostra filosofia è quella di rendere l’azienda tranquilla di fare il proprio lavoro (e formare il tirocinante in questo caso). Al resto ci pensiamo noi.

Il servizio è rivolto alle aziende già clienti e non. Se siete interessati vi basterà compilare il form che segue e richiedere informazioni senza impegno da parte vostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Altri Articoli

Credito d'imposta

Crediti d’Imposta 2021

Da ormai diversi anni, la maggior parte degli incentivi allo sviluppo erogati dallo Stato sono sotto forma di crediti d’imposta utilizzabili in compensazione in F24

Contattaci

Chiedi Informazioni

Contattaci senza impegno

I tuoi dati sono importanti tanto per te quanto per noi. Noi non li trattiamo, non li divulghiamo e non li conserviamo se non per il tempo strettamente necessario a rispondere alla tua richiesta.