Finanza Agevolata – Nuovo SELFIEmployment

Nuovo SELFIEmployment

Vuoi avviare una nuova attività ma hai difficoltà a recuperare i fondi necessari? Come abbiamo già anticipato in un nostro articolo precedente, le annualità 2021 e 2022 si preannunciano interessanti da un punto di vista delle agevolazioni concesse per l’avvio delle nuove attività imprenditoriali. In questo articolo introduciamo il nuovo bando SELFIEmployment che prevede finanziamenti a tasso vero senza tuttavia concedere contributi a fondo perduto.

In cosa consiste l’agevolazione?

In questo bando viene agevolata la nuova imprenditoria mediante la concessione di finanziamenti (da 5000 a 50000 euro) a tasso zero che non necessitano di garanzie e che sono rimborsabili in 7 anni, con prima rata a 12 mesi.

Ma chi può accedere a questo incentivo?

Questo strumento è destinato:

  • Ai giovani NEET
  • Alle donne INATTIVE
  • Ai disoccupati di lunga durata

Ricordiamo che con il termine NEET vogliamo identificare coloro che sono “Not in Education, Employment or Training” e sono iscritti al programma nazionale di Garanzia Giovani; in pratica sono i ragazzi sotto i 30 anni che non lavorano e non sono iscritti in percorsi formativi. Le donne INATTIVE invece sono le donne che, al momento della domanda, non sono impegnate in altra attività lavorativa. I disoccupati di lunga durata invece sono coloro che sono iscritti al CPI e hanno sottoscritto la Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) da almeno 12 mesi, e non stanno attualmente lavorando.

Con quale forma aziendale si può richiedere il finanziamento?

Le tipologia di aziende ammesse all’incentivo sono:

  • ditte individuali
  • società di persone
  • Società Cooperative e/o Cooperative Sociali con al massimo 9 soci
  • Associazioni Professionali
  • Società tra Professionisti (STP)

Possono essere già state costituite, da meno di 12 mesi, purché siano sempre INATTIVE; è altresì possibile la costituzione solo DOPO l’ottenimento dell’incentivo, al massimo entro 90 giorni.

Quali sono le attività che possono accedere a queste agevolazioni?

In pratica possono essere finanziate tutte le attività di produzione di beni, di fornitura di servizi e le attività di commercio (anche in forma di franchising).

Quali sono le spese ammissibili che possono essere finanziate?

Possono essere finanziate le spese per l’acquisito di macchinari, attrezzature, hardware e programmi software; possono essere finanziate anche le opere murarie ma nel limite del 10 % dell’importo finanziato ed infine tutte le spese di gestione quali affitti, stipendi, utenze, assicurazioni, materie prime ecc.

Quale è il reale vantaggio di questo strumento?

Il primo e forse più importante vantaggio è che la garanzia prestata vi permetterà di accedere al credito quando gli istituti di credito potrebbero invece non concederlo; il vantaggio del tasso zero poi può essere facilmente quantificato se provate ad effettuare una simulazione con un qualunque simulatore presente online; un finanziamento in 7 anni per un importo di 50000 euro, tranquillamente, comporterà una spesa di interessi che eccede i 12000/15000 euro.

L’importo degli interessi sarà rimborsato da INVITALIA sotto forma di contributo, una volta rendicontato il prospetto di investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Altri Articoli

Credito d'imposta

Crediti d’Imposta 2021

Da ormai diversi anni, la maggior parte degli incentivi allo sviluppo erogati dallo Stato sono sotto forma di crediti d’imposta utilizzabili in compensazione in F24

Contattaci

Chiedi Informazioni

Contattaci senza impegno

I tuoi dati sono importanti tanto per te quanto per noi. Noi non li trattiamo, non li divulghiamo e non li conserviamo se non per il tempo strettamente necessario a rispondere alla tua richiesta.